giovedì, Marzo 30, 2023

Concorsi forze armate e di polizia

Prove fisiche concorsi pubblici

prove fisiche

Come affrontare le prove fisiche dei concorsi pubblici per le forze armate e le forze di polizia e superarle con successo. Preparati al meglio!

Se stai cercando informazioni sui concorsi pubblici per le forze armate e le forze di polizia, è importante sapere che molte di queste selezioni richiedono anche delle prove fisiche da superare.

Cosa sono le prove fisiche?

Sono esercizi atletici che hanno lo scopo di verificare la preparazione fisica dei candidati, sulla base di valori oggettivi come la forza e la resistenza. Solitamente queste prove sono richieste nei concorsi pubblici per le forze dell’ordine e militari.

I concorsi che richiedono le prove fisiche sono: Carabinieri, Guardia di Finanza, Marina Militare, Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Polizia di Stato, Polizia penitenziaria e Vigili del fuoco. Se vuoi partecipare a uno di questi concorsi, dovrai prepararti a superare le prove obbligatorie richieste dal bando.


Leggi anche: Test psicoattitudinali


Quali sono le prove fisiche da superare?

Le prove fisiche richieste possono variare a seconda del concorso, ma alcuni esempi di esercizi che possono essere richiesti sono: corsa piana, nuoto, apnea, salto in alto, salto in lungo, salita della fune, addominali, trazioni alla sbarra, piegamenti sulle braccia, plank, affondi e stacchi da terra. Se lo stai pensando, la risposta è no, non tutte insieme! Solitamente tra quelle elencate ne vengono scelte 3/4. Le ripetizioni e le tempistiche variano a seconda del concorso e del sesso del candidato.

Ogni esercizio eseguito correttamente dà un certo numero di punti al candidato, che si sommeranno per il punteggio finale. Inoltre, possono esserci anche prove facoltative che consentono di accumulare punti aggiuntivi per migliorare la posizione nella graduatoria.

Se non si superano le prove fisiche obbligatorie, il candidato sarà escluso dal concorso.

È importante sapere che non sarà possibile ripetere gli esercizi, per nessun motivo.


Leggi anche: VFI (Volontari in Ferma prefissata Iniziale)


Ma cosa succede se sei impossibilitato a sostenere le prove a causa di un infortunio o un malore?

Non preoccuparti, se comunichi tempestivamente alla commissione esaminatrice, potrai richiedere il differimento delle prove entro un massimo di 30 giorni. Tuttavia, se l’infortunio persiste e non sei in grado di sostenere le prove, sarai escluso dal concorso.

Recentemente il TAR del Lazio è giunto ad affermare che il malore durante lo svolgimento delle prove fisiche deve essere considerato alla stregua di una qualsiasi altra causa di forza maggiore che impedisca lo svolgimento/conclusione della prova. Ne consegue che anche in tal caso al soggetto dovrà essere data la possibilità di effettuare nuovamente la prova così interrotta, e solo in esito a questa lo stesso potrà essere giudicato idoneo ovvero non idoneo.


Leggi anche: Prove fisiche: cosa succede in caso di malore del condidato


Quanto durano le prove fisiche?

Dipende dal tipo di concorso, ma in generale le prove possono durare fino a tre giorni lavorativi consecutivi (esclusi sabato e domenica). Durante questo periodo, dovrai sostenere le prove di efficienza fisica insieme agli accertamenti psico-fisici e attitudinali.

Ma come si superano le prove?

Non esiste una ricetta magica, ma se pratichi già uno sport regolarmente, avrai un buon punto di partenza. Se invece trascorri più tempo a tavola che in palestra, ti consiglio di affidarti ad un preparatore atletico ed eventualmente anche ad un nutrizionista. In ogni caso, non sottovalutare mai le prove fisiche dei concorsi pubblici: sono più impegnative di quanto sembrino, e i numeri dei concorrenti scartati lo dimostrano!

Inoltre, per poter partecipare alle prove, devi presentarti il giorno indicato sul bando di concorso con un abbigliamento sportivo idoneo. Ricorda anche di portare con te un documento d’identità e un certificato d’idoneità sportiva agonistica. Se sei una donna, potrebbe essere richiesto anche un test di gravidanza con esito negativo, non anteriore ai cinque giorni dalla data prevista per le prove fisiche.


Leggi anche: VFT (Volontari in Ferma prefissata Triennale)


Sembra scontato, lo so, ma se vuoi avere successo nei concorsi pubblici per le forze armate o per le forze di polizia, devi prepararti adeguatamente anche per le prove fisiche. Non sottovalutare mai l’importanza di una buona preparazione, e ricorda di rispettare le regole indicate sul bando di concorso per evitare di essere escluso. Con un po’ di impegno e determinazione, potrai superare con successo le prove e realizzare il tuo sogno di entrare nei corpi armati dello stato!


Leggi anche: Corpi armati dello stato


Visita la nostra pagina CORSI E CONCORSI>>>


Link utili
Ministero della Difesa – Concorsi On Line;
Area Concorsi – Carabinieri;
Concorsi online – GdF;
Concorsi – Polizia di Stato;
Polizia Penitenziaria – Ministero della Giustizia – Concorsi.

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!