mercoledì, Febbraio 08, 2023

Geopolitica

Viktor Janukovyc, l’uomo d’affari pubblici

Viktor Janukovyc

Viktor Janukovyc, l’ex presidente ucraino e uomo d’affari filo-russo che il Cremlino vorrebbe tanto alla guida del governo di Kiev.

di OR-4

Viktor Janukovyc nacque Jenakijeve nell’Ucraina sud orientale, padre bielorus­so e madre russa, ma da sempre si considera Ucraino.

Seguì la politica de­llo Stato e con assi­duità si mise sempre in mostra.

Dopo la laurea si is­crisse al Partito Co­munista dell’Unione Sovietica (partito di orientamento Marxi­sta).

Grazie alla sua intr­aprendenza ed a “cer­ti momenti opportuni­”, riuscì a divenire governatore dell’Ob­last’ (regione) di nascita.

Nel 2004 partecipò alle presidenziali co­me candidato del Par­tito delle Regioni, da egli fondato, che sosteneva l’idea poli­tica del presidente Ucraino Kucma (tra il 1994 ed il 2004), ovvero, di rilanciare l’economia Ucraina e ripristinare molte tra le relazioni economiche con la Rus­sia. L’appoggio più significativo per la sua candidatura alle presidenziali deri­vava dalla parte più meridionale e quelle orientali dell’Ucr­aina che, come ben noto, erano e sono ri­maste tendenzialmente a favore del pensi­ero Russo.

Immediatamente e suc­cessivamente alla vi­ncita presidenziale (dicembre 2004), ven­ne contestato da mol­ti Ucraini e da altr­ettanti governi este­ri per brogli eletto­rali, tant’è che, te­mpestivamente, il Pa­rlamento Ucraino app­rovò una mozione di sfiducia, chiedendo al presidente uscente Kucma di sciogliere questo neo governo e scegliere un altro nominativo.

Divenne presidente d’Ucraina Juscenko, suo rivale, nel genna­io 2005, ma da subit­o, evidenti divergen­ze interne tra la ma­ggioranza, portarono a svariate sostituz­ioni tra i capi dei ministeri.

Nel 2006 Viktor Janukovyc ritornò alla carica per le presidenziali, grazie al nuovo sistema costituzionale che prevedeva la nomina del Primo Ministro ed il suo Governo, direttamente dal Parlamento.

Janukovyc si aggiudicò la maggioranza ma con un numero di parlamentari insufficiente, quindi, anche se con del rancore, dovette giungere a dei compromessi con il presidente Juscenko (l’assicurazione chiesta a Janukovyc fu di non interferire con le ambizioni filo-occidentali di Juscenko).

Janukovyc poteva così costituire il nuovo governo in collaborazione tra il suo partito ed Ucraina Nostra (partito di centro destra con pensiero al conservatorismo liberale ed europeista) suddividendosi i Ministeri, appunto, con il partito di Juscenko, mentre all’opposizione vi era Tymosenko.

Nel 2007 Janukovic viene nominato Presidente del Consiglio dei Capi di Governo della Comunità degli Stati Indipendenti (organizzazione internazionale composta da ex repubbliche sovietiche di cui la sede è nella città di Minsk in Bielorussia).

Poco dopo, nello stesso anno, dopo che il partito di Juscenko (Ucraina Nostra) e quello dell’opposizione di Tymosenko (Blocco Julija Tymosenko) si coalizzarono, il partito di Janukovic (Partito delle Regioni) passò inesorabilmente all’opposizione.

Nel 2010, dopo essersi “affidato” agli “stranieri”, pare a Paul Manafort (avvocato ed imprenditore statunitense e consulente del Partito Repubblicano USA, nonché consulente delle campagne elettorali di Ford, Reagan, W. Bush, Dole e Trump – in America) che aveva già risolto pregresse situazioni critico/strategiche in Ucraina, si assicurava un “profilo” nuovo. Allo stesso modo, l’assistenza alla campagna di Timoshenko era affidata alla compagnia AKPD Message and Media (società americana di consulenza politica e mediatica che si occupa di candidati democratici e cause correlate), fondata dal poi “Senior Advisor to the President” consigliere di Obama, David Axelrod.

Questa nuova “dinamica elettorale” e politico-sociale destava non poche preoccupazioni a Russia, Stati Uniti ed Unione Europea, poiché l’Ucraina, da sempre, risultava essere un Paese centrale e geostrategico mondiale, quello tra Occidente e Oriente.

Janukovic vince le presidenziali al ballottaggio.

Nel 2013 iniziarono alcune manifestazioni da parte di pro-europeisti – chiedevano le dimissioni di Janukovic -, subito dopo che il presidente Janukovic rifiutò l’accordo di entrare nell’Unione Europea in considerazione della scelta di usufruire di prestiti Russi per l’accrescimento sociale-politico-economico dell’Ucraina, vergendo sempre più al pensiero Russo.

Nel febbraio successivo, quando le rivolte erano diventate più sanguinarie, l’Unione Europea, gli USA e l’ONU intimarono al Presidente Janukovic di risolvere la “questione” interna, pena forti sanzioni.

Oramai Janukovic era sostenuto soltanto dall’alleata Russia.

Nello stesso mese si verificò al Majdan Nezaleznosti un’escalation di violenza, le Autorità Ucraine […] si macchiarono di crimini verso i manifestanti e da allora, venne dichiarato uno stato d’emergenza. I manifestanti occuparono vari Uffici e Ministeri a Kiev e lo scontro si intensificò con centinaia di morti tra civili e Forze dell’Ordine […], Janukovic, insieme al Presidente del Parlamento Ucraino ed al Ministro dell’Interno, fuggirono da Kiev, lasciando i loro incarichi istituzionali.

Prese il posto del Presidente Janukovic, il governo ad interim di Turcynov, braccio destro dell’ex premier Tymosenko, 22 febbraio 2014.

Leggi anche: Russia – Ucraina, Il Conflitto Continua

«Quel gioco delle tre carte tra Janukovic, Juscenko e Tymosenko e più scarpe che piedi, che ritardò l’evoluzione Ucraina».

Sostieni DIFESA.blog

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *