mercoledì, Febbraio 08, 2023

Geopolitica

Nuovi QUAD per gli Stati Uniti: Sfide o opportunità per la Cina?

NUOVI QUAD

Cina e Stati Uniti potrebbero cooperare economicamente attraverso questi due “nuovi quad” a causa dei loro interessi sovrapposti.

Gli Stati Uniti hanno stipulato due “Nuovi QUAD” quest’anno che sono funzionalmente diversi dal passato (il “Vecchio Accordo”) composto da loro stessi, Australia, India e Giappone. Il primo è stato annunciato a fine luglio insieme a Pakistan, Afghanistan e Uzbekistan, mentre il secondo è stato presentato il mese scorso con India, Emirati Arabi Uniti e Israele. Per semplicità, il primo può essere indicato come Central Asia-South Asia (CASA) Quad e il secondo come West Asia-South Asia (WASA) Quad. Questi due “Nuovi Quad” dicono molto sull’evoluzione della strategia eurasiatica degli Stati Uniti.

Prima, però, è importante dire alcune parole sul “Vecchio Quad”. Anche se i suoi membri sostengono di non avere intenzioni ostili contro terzi, le loro azioni suggeriscono il contrario. La crescente convergenza militare tra questi quattro paesi è ampiamente considerata come guidata dal loro desiderio condiviso di “contenere” la Cina. Questo è ulteriormente evidenziato dalle dichiarazioni poco amichevoli dei suoi membri nei confronti della Repubblica Popolare, soprattutto per quanto riguarda le dispute territoriali regionali. Inoltre, la loro intenzione di diversificare le catene di approvvigionamento è stata interpretata come un tacito “distacco” dalla Cina.

Il CASA Quad ha uno scopo diverso dal “Vecchio Quad”. È esplicitamente “focalizzato sul miglioramento della connettività regionale”, secondo il comunicato stampa del Dipartimento di Stato all’epoca. Questo è probabilmente un riferimento all’accordo di febbraio per costruire una ferrovia tra Pakistan, Afghanistan e Uzbekistan che può essere provvisoriamente chiamato PAKAFUZ dopo le prime lettere del nome di ogni paese partecipante. Completa la visione esposta nella “Strategia per l’Asia centrale: 2019-2025″ degli Stati Uniti: Advancing Sovereignty and Economic Prosperity” che è stata promulgata nel febbraio 2020.

Per quanto riguarda il Quadro WASA, è meno formale della sua controparte CASA, ma comunque promettente. Questo quadro ha finora portato a un accordo per stabilire un forum economico tra i suoi membri. Come la formazione del CASA Quad è stata influenzata dal PAKAFUZ, così il WASA Quad è stato influenzato dalla proposta di un corridoio arabo-mediterraneo (AMC). Il professor Michaël Tanchum ha pubblicato un rapporto dettagliato su questo durante l’estate, intitolato “Corridoio arabo-mediterraneo dell’India: A Paradigm Shift in Strategic Connectivity to Europe”.

Finora, si può vedere che i quadranti CASA e WASA sono apparentemente premessi per promuovere obiettivi di connettività transregionale reciprocamente vantaggiosi, a differenza di quelli militari a somma zero del “Vecchio Quad”. Questo suggerisce che sono molto più pragmatici, praticabili, e quindi positivi in termini di scopo finale rispetto al loro predecessore originale. Hanno più di questo in comune, però. Gli stati dell’Asia meridionale del Pakistan e dell’India sono le rispettive ancore delle iniziative PAKAFUZ e AMC su cui i loro Quad pertinenti sono probabilmente costruiti.

Questo parla dell’importanza che gli Stati Uniti attribuiscono all’Asia meridionale in termini di ruolo centrale nella promozione della connettività transregionale. Anche se il Pakistan e l’India sono rivali, gli Stati Uniti stanno ancora cercando di bilanciare le loro relazioni, nonostante siano molto più vicini a Nuova Delhi che a Islamabad. Per quanto visionarie siano queste iniziative, esse condividono anche sfide simili. Il PAKAFUZ non può essere costruito finché l’Afghanistan rimane instabile e il suo governo de facto guidato dai talebani non è riconosciuto. L’AMC, nel frattempo, richiede relazioni formali israelo-saudite che finora sono rimaste sfuggenti.

Qui sta la loro sfida principale, che gli Stati Uniti devono ancora superare. Infatti, il suo approccio post ritiro ai Talebani può essere descritto come controproducente in questa luce, considerando l’immensa pressione che sta esercitando sul gruppo attraverso il congelamento dei beni dell’Afghanistan con sede negli Stati Uniti, nel tentativo di estorcere concessioni socio-politiche da loro. L’approccio americano alla delicata questione della mediazione di legami formali tra “Israele” e l’Arabia Saudita è comparativamente più pragmatico, ma l’amministrazione Biden non è vista sotto una luce positiva da nessuno di questi governi e quindi manca di influenza.

Queste carenze diplomatiche presentano opportunità per altri grandi paesi di intervenire e tentare di trovare soluzioni a questi ostacoli. Finora, questo può essere visto dagli sforzi della Cina per impegnare pragmaticamente i talebani, per esempio, anche se non sono ancora stati fatti simili tentativi per quanto riguarda la mediazione di relazioni formali tra “Israele” e l’Arabia Saudita. Anche così, entrambi i risultati beneficerebbero non solo la Repubblica Popolare, ma tutti i paesi, dal momento che ognuno di loro potrebbe utilizzare in prospettiva la PAKAFUZ e l’AMC, purché abbiano legami ufficiali con i suoi stati di transito.

Dopo tutto, PAKAFUZ è fondamentalmente l’espansione settentrionale del Corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), il progetto di punta della Belt & Road Initiative (BRI). Per quanto riguarda l’AMC, questo corridoio rappresenta un’alternativa terrestre al canale di Suez che completa la visione della BRI di diversificare le rotte commerciali est-ovest. Queste osservazioni intriganti suggeriscono che è possibile per la Cina e gli Stati Uniti cooperare economicamente attraverso questi due “Nuovi Quad” a causa dei loro interessi sovrapposti nei progetti di connettività transregionale di punta di queste reti, ma solo se Washington ha la volontà politica.

Di Andrew Korybko
Analista politico americano

Sostieni DIFESA.blog

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *