LICENZA STRAORDINARIA

Licenza Straordinaria per il personale delle Forze Armate e di Polizia

Amministrativa

Licenza Straordinaria fino ad un massimo di 45 giorni e oltre, spettante alle Forze Armate e di Polizia a ordinamento civile/militare.

Questo articolo è parte della raccolta “Linee Guida – licenze e permessi per le Forze Armate e di Polizia a ordinamento civile/militare“. Aggiornate ai DD.PP.RR. 15 marzo 2018, n. 39 e 40. Di seguito i tipi di licenza straordinaria che possono essere richiesti:

ARTICOLI MILITARI

Fino ad un massimo di 45 giorni annui

  • Gravi motivi per imminente pericolo di vita o per morte di un congiunto, del tutore, del coniuge del tutore o dei figli di questi, del patrigno, della matrigna o dei figli di questi:
    • Giorni 10 per coniuge, genitori, suoceri, figli, tutore e coniuge del tutore, patrigno e matrigna.
    • Giorni 7 per fratelli, sorelle e figli del tutore, del patrigno e della matrigna.

Non è differibile per esigenze di servizio.

  • Gravi motivi per assenze dovute a infermità o malattie, documentate da idonea certificazione medica: Durata pari a quella della prognosi riportata sulla certificazione medica che attesta la necessità di cure a carico del destinatario.

Superato il tetto annuo di 45 giorni di licenza straordinaria, il militare è collocato d’ufficio in aspettativa per infermità.

  • Gravi motivi per gravi motivi debitamente documentati: Fino a 45 giorni annui.

Il Comandante di Corpo ha il potere discrezionale di valutare la gravità dei motivi addotti dal richiedente, accertandone la reale esistenza.

  • Gravi motivi per adempiere agli obblighi di formazione continua del personale sanitario: Fino a giorni 8 annui.

E’ concessa, nelle more dell’emanazione di un provvedimento di concertazione, al personale sanitario esercente le professioni sanitarie sottoposto all’obbligo di formazione continua, ad esclusione degli Ufficiali medici per i quali è già prevista la “licenza straordinaria per aggiornamento scientifico”. Le attività svolte ai fini dell’assolvimento del suddetto obbligo devono essere debitamente documentate.

  • Matrimoniale: Giorni 15.

E’ possibile beneficiarne in un arco temporale non strettamente collimante con la celebrazione delle nozze, quindi, sia anteriormente che posteriormente ad essa, purché il periodo in argomento rispetti il nesso di collegamento con l’evento.

  • Convalescenza: Per il numero di giorni della temporanea non idoneità al servizio stabiliti dal competente Organismo medico militare.

Superato il tetto annuo di 45 giorni di licenza straordinaria, il militare è collocato d’ufficio in aspettativa per infermità. Non è cumulabile con la licenza ordinaria.

Per esami:

  • Militari: Fino a giorni 30.
    E’ dovuta nella misura e con le modalità previste dai bandi di concorso o dalle determinazioni ministeriali, al fine di completare la preparazione degli esami. I 30 giorni    devono    intendersi    come    limite di stato o per l’abilitazione all’esercizio della professione massimo eventuale, in quanto l’Amministrazione può, nel bando di concorso, prevedere un periodo inferiore, o, addirittura, non prevedere alcun giorno di licenza. E’ frazionabile in relazione alla scadenza delle prove di esame.
  • scolastici, universitari e post universitari: Fino a giorni 15.
    Può essere frazionabile in dipendenza degli intervalli fra le varie prove di esame.
  • per concorsi banditi dalla Pubblica Amministrazione per l’accesso ad altre carriere: Giorni 8 annui.
    Compete per lo svolgimento delle prove concorsuali più l’eventuale viaggio.

La licenza straordinaria per esami è convertita in licenza ordinaria qualora il militare per motivi dipendenti dalla propria volontà non sostenga la prova, inoltre è cumulabile, compatibilmente con le esigenze di servizio, con tutta o parte della licenza ordinaria.

  • Per aggiornamento scientifico degli Ufficiali medici: Giorni 8 annui.
    Viene concessa compatibilmente con le esigenze di servizio agli Ufficiali medici in servizio permanente.
  • Cure termali: Giorni 15 annui.
    Il beneficio, già riconosciuto al personale “invalido per servizio” ai sensi dell’art. 37 del D.P.R. n. 3/1957, è stato esteso ai militari affetti da infermità non riconosciute dipendenti da causa di servizio dall’art. 1506 del D.Lgs. n. 66/2010, attraverso l’espresso richiamo all’art. 13 del D.L. n. 463/1983, secondo cui le prestazioni idrotermali possono essere concesse esclusivamente per effettive esigenze terapeutiche o riabilitative, su motivata prescrizione di un medico specialista della ASL (rimane invariata, nel caso di infermità riconosciuta dipendente da causa di servizio, la facoltà da parte dell’interessato di presentare la prescrizione del Medico di Base). Al rientro dalla licenza il militare deve presentare copia del certificato dello stabilimento termale attestante il tipo e il numero delle cure effettuate. Tale licenza è utilizzabile per un solo ciclo di cure l’anno. Tra la fruizione della licenza straordinaria per cure termali e quella della licenza ordinaria deve trascorrere un periodo di almeno 15 giorni.
  • Per la valorizzazione economica del congedo parentale: Giorni 45.
    E’ concessa, a richiesta del militare genitore, al fine di percepire il trattamento economico intero (per un massimo di 45 giorni) nei primi sei anni di vita del bambino, nell’ambito dei 6 mesi di congedo parentale retribuiti – al 30% (vedasi, al riguardo, la successiva licenza straordinaria per congedo parentale oltre il limite di 45 giorni annui). In tale ipotesi, ciascun giorno di assenza viene computato in diminuzione sia del periodo di sei mesi del congedo parentale entro i 6 anni di vita del figlio, sia del limite di 45 giorni previsto per la licenza straordinaria nell’anno in cui il beneficio viene fruito. Salvo casi di oggettiva impossibilità, il personale è tenuto a preavvisare il Comando/Ente di appartenenza almeno 5 giorni prima della data di inizio del beneficio.

Oltre il limite di 45  giorni annui

  • Speciale di trasferimento In territorio nazionale:
    • Giorni    20      per  il  personale coniugato o con famiglia a carico o con almeno dieci anni di servizio.
    • Giorni 10 per il personale senza famiglia a carico con meno di dieci anni di servizio.

Può essere frazionata o differita, per particolari esigenze di servizio, o a seguito di istanza dell’interessato, da presentarsi all’atto della notifica del trasferimento; deve, comunque, essere fruita entro il termine di 3 anni dall’attuazione del trasferimento e prima che ne sopravvenga un altro. E’ cumulabile, compatibilmente con le esigenze di servizio, con tutta o parte della licenza ordinaria.

ARTICOLI MILITARI
  • Speciale di trasferimento per il personale destinato a prestare o che rientri dal servizio all’estero:
    • Giorni 30 per  il  personale coniugato o con famiglia a carico o con almeno dieci anni di servizio.
    • Giorni 20 per il personale senza famiglia a carico con meno di dieci anni di servizio.

Non è frazionabile e non può essere fruita durante il servizio all’estero.

  • Per protezione sanitaria contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti: Giorni 15 annui.

Può essere fruita anche in misura frazionata.

  • Per donazione di organi: Per il tempo necessario ad effettuare la donazione, compresi gli eventuali ricoveri, e per il ripristino dell’efficienza psicofisica.

La licenza spetta anche nel caso di donazione di midollo osseo.

  • Per campagna elettorale: Per la durata della campagna elettorale. Unitamente alla richiesta di licenza l’interessato dovrà produrre la documentazione comprovante la durata della campagna elettorale e l’avvenuta iscrizione nelle liste elettorali relative alla consultazione nella quale si presenta come candidato.
  • Per la frequenza di corsi per dottorato di ricerca: Per la durata del dottorato di ricerca.

E’ senza assegni. E’ utile ai fini della progressione di carriera, del trattamento di quiescenza e di previdenza, ma non della maturazione della licenza ordinaria. La concessione è subordinata ai pareri degli Organi sovraordinati sulla catena gerarchica.

  • Per i vincitori di borse di studio per la frequenza di corsi di perfezionamento e delle scuole di specializzazione, per lo svolgimento di attività di ricerca dopo il dottorato e per i corsi di perfezionamento all’estero: Per la durata  del       corso o dell’attività di ricerca.

E’ senza assegni ed è concessa ai vincitori di borse di studio universitarie. E’ utile ai fini della progressione di carriera, del trattamento di quiescenza e di previdenza, ma non della maturazione della licenza ordinaria.

  • Operazioni di soccorso per aderenti ad associazioni di volontariato:
    • Fino a giorni 30 continuativi per un massimo di giorni 90 annui, elevati rispettivamente a 60 e 180 in occasione di eventi per i quali è dichiarato lo stato di emergenza nazionale e per i casi di effettiva necessità singolarmente individuati.
    • Fino a giorni 10 continuativi per un massimo di giorni 30 annui, per la partecipazione ad attività di addestramento.

E’ concessa al militare iscritto ad un’associazione di volontariato inserita negli elenchi del Dipartimento della Protezione Civile, nel caso di allertamento sullo stato di calamità naturale e sempre che l’intervento dell’organizzazione di volontariato alla quale è iscritto il militare sia autorizzato dal medesimo Dipartimento. La concessione è subordinata alle esigenze di servizio.

ARTICOLI MILITARI
  • Operazioni di soccorso a cura del Club Alpino Italiano: Per i giorni in cui si svolgono le operazioni di soccorso alpino e speleologico o le relative esercitazioni, nonché nel giorno successivo ad operazioni di soccorso che si siano protratte per più di otto ore, ovvero entro le ore 24.

E’ concessa al militare iscritto al Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico del Club Alpino Italiano, previa valutazione delle esigenze di servizio.

  • Eventi e cause particolari (gravi motivi familiari): Fino a 2 anni nella vita lavorativa (compresi eventuali periodi fruiti ai sensi dell’art. 42, comma 5 del D. Lgs. n. 151/2001).

E’ senza assegni. Determina detrazione di anzianità ai fini pensionistici e della progressione di carriera. Durante il suo utilizzo non si matura la licenza ordinaria e la tredicesima mensilità.

  • Per assistenza a persona con handicap in situazione di gravità: Fino a 2 anni nella vita lavorativa (compresi eventuali periodi fruiti ai sensi dell’art. 4, comma 2 della L. n. 53/2000).
    Tale licenza:
    • determina detrazione di anzianità solo ai fini della progressione di carriera;
    • non è conteggiata ai fini del trattamento di fine rapporto;
    • non dà diritto alla maturazione di licenza ordinaria e tredicesima.

I congiunti della persona disabile da ammettere al beneficio sono individuati secondo un preciso ordine di priorità stabilito dalla norma. Tra due periodi di tale licenza è necessaria l’effettiva ripresa del servizio, anche per un solo giorno.

  • Per congedo parentale: Mesi 6, nei primi dodici anni del figlio.

Da tener presente, tuttavia, che se ne beneficia anche l’altro genitore i periodi di congedo parentale fruiti da entrambi non possono complessivamente superare i 10 mesi. Inoltre, qualora il padre militare abbia fruito di più di tre mesi del beneficio, il limite di mesi 6 è elevato a 7 e quello complessivo a 11. Nel caso esista un solo genitore, il limite di mesi 6 è elevato a 10.

Il congedo parentale spetta al militare richiedente anche qualora l’altro genitore non ne abbia diritto, compreso il caso in cui non svolga attività lavorativa.

Tra un periodo e l’altro deve essere effettuata una ripresa effettiva del servizio. E’ cumulabile con la licenza ordinaria.

La norma base (D.Lgs. n.151/2001) assicura alla generalità dei lavoratori (militari compresi) il trattamento economico del 30%, nei primi 6 anni di vita del figlio, per un massimo complessivo tra entrambi i genitori di 6 mesi (in tale ultimo periodo sono compresi i 45 giorni a trattamento economico intero riservato al personale militare –di cui alla licenza straordinaria fino ad un massimo di 45 giorni annui– da fruire, però, nei primi 3 anni del figlio). Nel caso di fruizione oltre i suddetti 6 mesi complessivi, oppure oltre il sesto anno di vita del figlio, non spetta alcuna retribuzione.

Salvo casi di oggettiva impossibilità, il personale è tenuto a preavvisare il Comando/Ente di appartenenza almeno 5 giorni prima della data di inizio del beneficio.

  • Per malattia figlio:
    • Nei primi 3 anni di età per tutto il periodo della malattia.
    • Tra i 3 e gli 8 anni di età fino a 5 giorni lavorativi annui.

E’ fruita dal militare, in alternativa all’altro genitore titolare di analogo diritto. Il beneficio spetta anche se l’altro genitore non ne abbia diritto. E’ senza assegni, eccezion fatta per 5 giorni lavorativi per ciascuno dei primi 3 anni di vita del figlio.

  • LICENZA DI MATERNITA’: Ordinariamente, da 2 mesi prima a 3 mesi dopo la data presunta del parto.

Al personale militare femminile in stato di gravidanza è interdetta la prestazione del servizio nel periodo ordinariamente previsto ed è concessa d’ufficio tale licenza. Il personale interessato, tuttavia, ha facoltà di fruirne a partire dal mese precedente la data presunta del parto e nei quattro successivi, a condizione che il medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale, o con esso convenzionato, e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro. Tale licenza spetta, altresì, nei casi dettagliatamente descritti nel compendio di cui ai riferimenti normativi e applicativi.

  • LICENZA DI PATERNITA’: Dopo la nascita del figlio, per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua che sarebbe spettata alla madre lavoratrice, in caso di morte o di grave infermità della madre ovvero di abbandono, nonché in caso di affidamento esclusivo del bambino al padre.

Qualora la madre non eserciti attività lavorativa, il beneficio è invocabile dal militare padre in caso di morte o grave infermità della medesima nei tre mesi successivi alla nascita del figlio.

Ci auguriamo che questo articolo possa tornarvi utile. In caso di errori, lasciate un commento a fine articolo. In alternativa potete scriverci al nostro indirizzo mail.

SPORT E FITNESS

Trovate tutti i nostri contatti all’interno della pagina >>> Contatti – Difesa Blog <<<

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.