venerdì, Giugno 14, 2024

Diritto Militare

Violata Consegna

violata consegna

Che cos’è la violata consegna nel contesto militare: spiegazione e punibilità del reato previsto dal codice penale militare di pace.

In questo articolo affronteremo il tema della violata consegna. Nel mondo del diritto penale militare, la violata consegna è disciplinata dagli articoli 120 e seguenti del codice penale militare di pace. Parleremo di cosa significa, quando viene commessa e cosa prevede la legge, grazie al prezioso contributo dello studio legale Avvocati Maiella e Carbutti, esperti di diritto militare.

La normativa

La norma prevede che il militare che abbandona il proprio posto di guardia o che viola la consegna ricevuta sia punito con la reclusione militare fino a un anno.

La disposizione è in linea con il principio di offensività in astratto, poiché la violazione della consegna di per sé è sufficiente a ledere gli interessi protetti costituzionalmente. Spetta poi al giudice valutare l’offensività in concreto e se sia stata causata dalla condotta del militare.

Per comprendere meglio l’articolo 120 c.p.m.p, è importante conoscere i concetti di “servizio” e “consegna”. Il servizio deve essere regolato da uno schema normativo stabilito dall’autorità militare e il singolo militare deve essere identificato come titolare della consegna. La consegna deve essere specifica e formale e deve essere individuata formalmente.

Per quanto riguarda il contenuto della consegna, esistono tre tipologie di prescrizioni: prescrizioni di carattere generale, implicite e di dettaglio. La giurisprudenza ritiene che solo i servizi che si sviluppano attraverso turni di avvicendamento tra i militari siano rilevanti per la violata consegna.


Leggi anche: Il reato di disobbedienza


Giurisprudenza

La Cassazione ha recentemente confermato che “per la configurabilità del reato di violata consegna è sufficiente la violazione delle prescrizioni della consegna, la cui tassatività ne esige l’osservanza incondizionata, senza che sia necessario il verificarsi di un ulteriore evento come conseguenza di tale violazione, trattandosi di reato di pericolo presunto volto a tutelare la funzionalità e l’efficienza di determinati servizi militari.”


Leggi anche: Cancellazione sanzioni disciplinari di Corpo


In conclusione, l’art. 120 c.p.m.p. riguardante la violata consegna rappresenta un aspetto importante del diritto penale militare che merita di essere approfondito per comprenderne a pieno i concetti fondamentali e le implicazioni pratiche. Attraverso questo articolo abbiamo visto in breve come il servizio e la consegna siano concetti chiave per comprendere la normativa sulla violata consegna. Tuttavia, per avere una comprensione completa di questo argomento, vi consigliamo di approfondirlo attraverso i collegamenti agli articoli in calce, dove verranno presi in esame casi reali affrontati.

Fonte:
S.J.G. MAIELLA e P. CARBUTTI
Avvocatoamministrativoemilitare.it


Approfondimenti (dal sito Avvocatoamministrativoemilitare.it):
Violata consegna e particolare tenuità del fatto.
Violata consegna. Quando si rischia una imputazione?


Visita la nostra sezione Diritto Militare

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!