Armamenti e Tecnologie

Test di volo stazione spaziale Starliner

BOEING

Boeing e NASA completano il primo test di volo della stazione spaziale Starliner senza equipaggio, si apre la strada alle future missioni.

atterraggio stazione spaziale Starliner

WHITE SANDS, NUOVO MESSICO, 26 maggio 2022 — La navicella spaziale CST-100 Starliner di Boeing è atterrata al White Sands Missile Range dell’esercito americano nel New Mexico alle 17:49 ora centrale. Il ritorno sicuro sulla Terra chiude con successo il test di volo orbitale senza equipaggio end-to-end che è stato effettuato per dimostrare la qualità e le prestazioni del sistema di trasporto prima dei voli con equipaggio.

CONSULENZA PSICOATTITUDINALE

“Abbiamo avuto un eccellente test di volo di un sistema complesso da cui ci aspettavamo di imparare lungo il percorso e lo abbiamo fatto”, ha affermato Mark Nappi, vicepresidente e responsabile del programma, Boeing Commercial Crew Program. “Grazie ai colleghi della NASA e della Boeing che hanno messo così tanto di se stessi in Starliner”.

Il test di volo completato oggi è iniziato il 19 maggio con un lancio dalla Cape Canaveral Space Force Station in Florida a bordo di un razzo Atlas V della United Launch Alliance.

Leggi anche: Starliner verso la Stazione Spaziale Internazionale

Le capacità dimostrate dallo Starliner includevano:

  • Prestazioni end-to-end del razzo Atlas V e della navicella spaziale Starliner attraverso il lancio, l’ascesa, l’orbita, il rientro e l’atterraggio;
  • Il software autonomo di Starliner e il funzionamento in orbita del suo sistema avionico, sistema di attracco, sistemi di comunicazione/telemetria, sistemi di controllo ambientale, pannelli solari, sistemi di alimentazione elettrica e sistemi di propulsione; 
  • Capacità di mantenere l’assetto di attracco, ricevere comandi dall’equipaggio della stazione spaziale e comandare prese e ritirate durante l’avvicinamento alla stazione finale;
  • Ricarica della batteria, apertura e chiusura del portello, creazione di ventilazione congiunta con la stazione, trasferimento file e trasferimento merci.

Quando Starliner completerà il suo prossimo volo, Boeing avrà raggiunto l’obiettivo della NASA di avere due veicoli commerciali per trasportare gli astronauti in modo sicuro, affidabile e sostenibile alla stazione dal suolo americano.

“Con il completamento di OFT-2, incorporeremo le lezioni apprese e continueremo a lavorare per prepararci al test di volo con equipaggio e alla certificazione della NASA”, ha aggiunto Nappi.

Fonte: Boeing

Sostieni DIFESA.blog

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *