Militari Uniti

VIOLENZA SULLE DONNE? …NO GRAZIE. 

VIOLENZA SULLE DONNE

LA VIOLENZA SULLE DONNE è un tema sentito ed è necessario non abbassare i riflettori in nessun ambito lavorativo.

Con l’entrata delle donne nella compagine militare, molti sono stati i progressi e l’attenzione rivolta  verso questa nuova realtà: la Difesa italiana si è mostrata fin da subito attenta alla promozione e alla  protezione dei diritti delle donne.

CONSULENZA PSICOATTITUDINALE

In questo senso è opportuno ricordare l’emanazione della direttiva  interforze denominata « Linee guida in tema di parità di trattamento, rapporti interpersonali, tutela  della famiglia e della genitorialità », dove non mancano riferimenti agli atteggiamenti e alle condotte  devianti.

Sebbene ci sia stato un radicale cambiamento soprattutto nella mentalità degli stessi  appartenenti alle Forze armate, l’Ordinamento Militare a tutt’oggi non contempla il reato di violenza o molestie sessuali: una grave lacuna a cui le istituzioni dovrebbero far fronte, attraverso l’introduzione nel Codice Penale Militare di Pace e di Guerra di reati corrispondenti a quelli di  violenza privata, violenza sessuale e atti persecutori (stalking). 

Nel caso specifico, il reato di violenza sessuale o molestie è perseguibile dal Codice Penale  Ordinario e il fatto di essere un militare comporta semplicemente una circostanza aggravante.

In  caso di violenza, la denuncia può essere ad oggi veicolata tramite canali esterni (quindi al giudice  ordinario) o attraverso canali interni, ossia al Comandante di Corpo a cui è demandato valutare o  meno la perseguibilità a livello penale poiché il Codice Penale Militare di pace non prevede la  querela. 

LA VIOLENZA SULLE DONNE è un tema sentito ed è necessario non abbassare i riflettori, a tal  proposito preme veicolare il messaggio che NESSUNO È AUTORIZZATO A PERPETRARE  VIOLENZA IN NESSUN AMBITO LAVORATIVO e NESSUNO è costretto a subire. 

Sarebbe auspicabile attraverso la sinergia di RAPPRESENTANZA e SINDACATI attenzionare la  questione relativa all’aggiornamento dei Codici Penali Militari di Pace e di Guerra: un passo  importante e un eco con il quale diffondere che NESSUNA VIOLENZA RIMANE IMPUNITA O  SOTTACIUTA, neanche all’ interno di questa realtà lavorativa.  

Fonte: Militari Uniti 

Leggi anche: Donne militari e integrazione a vent’anni di distanza

Sostieni DIFESA.blog

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.