venerdì, Giugno 14, 2024

Corpi militari e civili

Reggimento di Ricognizione Speciale (SRR)

Reggimento di Ricognizione Speciale

Il Reggimento di Ricognizione Speciale (SRR): il misterioso reggimento britannico specializzato nell’attività di sorveglianza e intelligence.

Il Reggimento di Ricognizione Speciale (SRR), noto in inglese come Special Reconnaissance Regiment, è un’unità di ricognizione speciale di livello TIER 1 dell’Esercito britannico. Questo reggimento è parte delle Forze Speciali del Regno Unito (UKSF).

Cosa fa il reggimento di ricognizione speciale?

Lo SRR svolge una vasta gamma di attività classificate relative alla sorveglianza e alla ricognizione covert. Per l’assolvimento dei propri compiti è certo che abbia a disposizione le apparecchiature elettroniche e le tecnolgie più avanzate. Questo reggimento si occupa principalmente di operazioni di sorveglianza legate, ma non limitate, alle attività di controterrorismo. E’ sicuramente meno famoso del conosciutissimo SAS o dell’SBS, ma dalle informazioni reperibili è spesso utilizzato proprio per fornire supporto alle altre due forze speciali britanniche citate.

Quando è stato istituito lo SRR?

Lo SRR è di recente istituzione, rispetto agli altri reparti speciali britannici, ovvero il 6 aprile 2005. La necessità di formare questo tipo di reggimento nasce a seguito dei noti attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti.

Come si entra nello SRR?

Lo SRR recluta da tutte e tre le branche militari del Regno Unito. È l’unico reggimento UKSF a includere donne in ruoli operativi.

Quanto è difficile diventare un operatore dello SRR?

Diventare un operatore dello SRR richiede un impegno significativo e una formazione rigorosa. E’ noto che le operazioni di ricognizione sono complesse e richiedono un alto livello di competenza.

Gli operatori SRR vengono formati nelle tecniche di osservazione, controllo, fotografia, combattimento ravvicinato (CQB) e guida avanzata. L’allenamento include anche una intensa attività di corsa, rucking (camminare con uno zaino pesante) e nuoto estensivo.

La formazione comprende anche l’uso avanzato delle armi, formazione alla demolizione, sorveglianza avanzata e ricognizione. Ci sono anche moduli riguardanti la guerra elettronica multi-dominio, tiro da lunga distanza, addestramento all’utilizzo di piccoli sistemi aerei senza pilota, guida di veicoli di tutti i tipi, operazioni marittime e tattiche di infiltrazione/esfiltrazione alternative.

Questo rigoroso processo di formazione assicura che gli operatori SRR siano ben preparati per le operazioni complesse e impegnative che dovranno affrontare sul campo.

È importante sottolineare che il processo di selezione e formazione per i candidati delle Forze Speciali è molto impegnativo, incluso lo SRR. Tipicamente meno del 10% dei candidati supera il corso.

Link Utili: UK Special Forces


Operation Ilois, GIUGNO 2006.

Per altri aricoli come questo:
VISITA LA NOSTRA SEZIONE CORPI MILITARI E CIVILI

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!