Assegno funzionale

Assegno funzionale per il personale delle forze armate e di polizia

Trattamento Economico

Trattamento economico fondamentale – Assegno funzionale pensionabile per il personale non dirigente delle forze armate e di polizia.

ASSEGNO FUNZIONALE PENSIONABILE

La funzione dello stipendio, specie a seguito dei criteri introdotti con il sistema parametrale, è quella di assicurare un trattamento economico basato sul criterio della progressività, in armonia con le funzioni svolte ed i livelli di responsabilità propri di ciascun grado e qualifica.

Tuttavia, a seguito del celere raggiungimento di posizioni apicali nei ruoli “non direttivi” e “non dirigenti” (specie in conseguenza del riordino operato nel 1995), ovvero di fronte a più contenute progressioni di carriera di alcuni ruoli, il solo stipendio tabellare potrebbe non risultare sufficiente a garantire adeguati mezzi di sostentamento al personale, anche alla luce del fisiologico aumento, con l’avanzare dell’età anagrafica, delle necessità e dei bisogni di natura sociale, connessi con la crescita degli appartenenti dei rispettivi nuclei familiari.

L’assegno funzionale pensionabile, pertanto, interviene a temperare la rigidità della progressione economica conseguente al sistema dello “stipendio parametrale” e mira a salvaguardare (anche al fine di soddisfare i citati maggiori bisogni di carattere sociale) la necessità di un costante incremento retributivo, facendo riferimento per la sua attribuzione al compimento di precise anzianità di servizio nelle forze di polizia, nelle forze armate e nei VV.FF. (attualmente: 17, 27 e 32 anni) conseguite “senza demerito”.

Per l’attribuzione dell’assegno, la valutazione del requisito di aver prestato servizio senza demerito, di fatto, dovrà essere riferita al biennio precedente alla data di maturazione della prevista anzianità, escludendo dal computo gli
anni compresi nel periodo suddetto in cui il personale abbia riportato una sanzione disciplinare più grave della consegna di rigore o un giudizio complessivo inferiore a “nella media”.

A tale scopo, l’assegno funzionale pensionabile:

  • è inserito nel quadro generale del trattamento economico fondamentale, come elemento proporzionale rispetto allo stipendio;
  • è corrisposto alla generalità del personale “non dirigente” delle Forze di polizia, compresi gli ufficiali che provengano da carriere e ruoli inferiori, ad eccezione degli ufficiali che risultano destinatari dell’omogeneizzazione al trattamento economico dei dirigenti;
  • è stato oggetto di reiterati provvedimenti legislativi, tesi ad incrementarne la misura e del recente intervento con il quale, contestualmente alla rimodulazione degli importi economici, la previsione iniziale di attribuzione del compenso al raggiungimento dei 19 e 29 anni di servizio è stata modificata, per ultimo, in 17, 27 e 32 anni;
  • è assicurato, a decorrere dal 1° gennaio 2003, anche a coloro che abbiano prestato parte del servizio utile al compimento della prescritta anzianità, non solo nelle Forze di polizia, ma anche nelle Forze armate e nei VV.FF. in servizio di leva.

TABELLA IMPORTO ASSEGNO FUNZIONALE (Importi Lordi)

DONAZIONE
Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.