venerdì, Giugno 14, 2024

Armamenti e Tecnologie

Telescopio Spaziale James Webb

lockheed martin

Il Telescopio Spaziale James Webb Della NASA decolla con la fotocamera avanzata “NIRCam” di Lockheed Martin.

Con il decollo del telescopio spaziale James Webb della NASA dalla Guyana francese lo scorso 25 dicembre, l’umanità è un passo più vicina a vedere l’universo sotto una luce completamente nuova, con l’aiuto di una fotocamera costruita da Lockheed Martin. Lo strumento sarà fondamentale per dare al telescopio il primo assaggio della luce celeste.

La Near Infrared Camera (NIRCam) è l’imager principale di Webb e una delle termocamere a infrarossi più sensibili mai costruite. Mentre il telescopio si posiziona nello spazio, NIRCam aiuterà ad allineare l’intricata serie di specchi di Webb. Saranno quindi necessarie immagini scientifiche durante l’intera missione.

“Lo sviluppo di NIRCam dura da oltre due decenni e vederla decollare nello spazio su Webb è stato il culmine di molti anni di duro lavoro con Marcia Rieke e i nostri partner dell’Università dell’Arizona”, ha affermato Alison Nordt , direttore del reparto scienza e strumentazione spaziale di Lockheed Martin, che ha guidato lo sviluppo di NIRCam. “Webb riscriverà i libri di scienze, comprenderemo meglio il nostro universo e aver contribuito con la tecnologia costruita da Lockheed Martin è un onore”.

Il team di Lockheed Martin e dell’Università dell’Arizona ha progettato, costruito e testato NIRCam dall’Advanced Technology Center dell’azienda a Palo Alto, in California .

Come guardare la luce più antica dell’universo?

Webb è progettato per scrutare la luce più antica dell’universo, che gli scienziati ritengono ha avuto origine circa 13,5 miliardi di anni fa. Mentre l’universo si espande, quelle onde luminose che una volta erano visibili si sono ora spostate nello spettro infrarosso.

Questa luce è incredibilmente lontana ed estremamente fioca, motivo per cui Webb richiede grandi specchi, insieme all’ottica ultra-precisa di NIRCam, per vederla.

Prima che ciò possa accadere, il primo lavoro di NIRCam è quello di rilevare la luce infrarossa in arrivo e acquisire immagini che aiuteranno i sistemi del telescopio ad allineare correttamente i suoi 18 segmenti di specchi primari. Questo è fondamentale per garantire che Webb fornisca immagini cristalline.

La tecnologia dietro NIRCam

Per l’allineamento dello specchio di Webb all’inizio del 2022, NIRCam rileverà quello che viene chiamato un “fronte d’onda”, o una sfera idealmente perfetta di particelle di luce emessa da qualsiasi oggetto luminescente. Quando quelle particelle incontrano un altro oggetto, in questo caso l’ottica del telescopio, diventano distorte.

NIRCam misura quelle distorsioni con precisione nanometrica e quei dati vengono quindi utilizzati per orientare gli specchi di Webb. Questo processo interattivo viene eseguito finché gli specchi del telescopio non sono correttamente allineati. 

Con Webb che viaggia a più di 1 milione di miglia dalla Terra nello spazio, NIRCam deve funzionare con estrema precisione e stabilità a temperature fino a -400°F. In effetti, il telescopio ha bisogno di temperature rigide per garantire che la radiazione infrarossa dall’osservatorio non travolga le immagini.

Per consentire operazioni in condizioni così estreme, Lockheed Martin ha sviluppato una nuova tecnica per collegare le lenti ottiche di NIRCam ai loro supporti. Il metodo innovativo assicura che il freddo e le vibrazioni di lancio non causino spostamenti nell’allineamento degli obiettivi di NIRCam.

Dopo oltre un decennio di meticolosa ingegneria e test rigorosi, il team ha fornito uno degli strumenti a infrarossi più potenti mai creati e NIRCam è stata completamente integrata in Webb nel 2014.

Ora, il telescopio verrà posizionato per un decennio di osservazioni rivoluzionarie per rimodellare il modo in cui vediamo lo spazio negli anni a venire.  

Maggiori informazioni sulla missione

Il Webb Space Telescope è il nuovo osservatorio di scienze spaziali più importante al mondo. Risolverà i misteri nel nostro sistema solare, guarderà al di là di mondi lontani intorno ad altre stelle e sonderà le misteriose strutture e origini del nostro universo e il nostro posto in esso. Webb è un programma internazionale guidato dalla NASA con i suoi partner – l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese – e la partecipazione del settore di molte aziende, tra cui Lockheed Martin.

Fonte: Lockheed Martin

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!