Armamenti e Tecnologie

Alexa e Webex sulla luna

lockheed martin

Lockheed Martin, Amazon e Cisco porteranno sulla Luna la tecnologia a comando vocale di Alexa e le video chiamate di Webex.

Lockheed Martin, Amazon e Cisco hanno collaborato per integrare tecnologie di interfaccia uomo-macchina uniche nella navicella spaziale Orion della NASA, fornendo un’opportunità per scoprire come i futuri astronauti potrebbero trarre vantaggio dalla tecnologia a comandi vocali, dall’intelligenza artificiale e dall’utilizzo dei tablet.

Questa nuova tecnologia, soprannominata Callisto, sarà integrata nella navicella spaziale Orion della NASA per la missione senza equipaggio Artemis I intorno alla Luna e ritorno sulla Terra. Callisto utilizza Amazon Alexa e Webex di Cisco per le comunicazioni voce, video tramite tablet nello spazio. Lockheed Martin, che ha progettato e costruito la navicella spaziale Orion per la NASA, sta guidando lo sviluppo del progetto. 

“Callisto sarà una tecnologia unica nel suo genere che potrebbe essere utilizzata in futuro per consentire agli astronauti di essere più autosufficienti mentre esplorano lo spazio”, ha affermato Lisa Callahan , vicepresidente e direttore generale di Commercial Civil Space for Lockheed Martin. “Callisto è un brillante esempio di come nuove partnership con tecnologie commerciali possano intgrarsi su Orion a beneficio delle future missioni umane nello spazio”.

Callisto prende il nome dalla ninfa compagna di caccia della dea greca Artemide. Il programma include un’integrazione hardware e software personalizzata sviluppata dagli ingegneri di Lockheed Martin, Amazon e Cisco e include una tecnologia innovativa che consente ad Alexa di funzionare senza una connessione Internet e Webex di funzionare su un tablet utilizzando Deep Space Network della NASA.

“Il computer di Star Trek faceva parte della nostra ispirazione originale per Alexa, quindi è emozionante e gratificante vedere la nostra visione dell’intelligenza ambientale prendere vita a bordo di Orion”, ha affermato Aaron Rubenson , vicepresidente di Amazon Alexa. “Siamo orgogliosi di lavorare con Lockheed Martin per spingere i limiti della tecnologia vocale e dell’intelligenza artificiale e speriamo che il ruolo di Alexa nella missione aiuti a ispirare futuri scienziati, astronauti e ingegneri che definiranno questa prossima era di esplorazione spaziale”.

Poiché Artemis I è una missione senza equipaggio, i partner di Callisto hanno collaborato con la NASA per creare un’esperienza di equipaggio virtuale presso il Johnson Space Center della NASA a Houston, consentendo agli operatori di interagire con Callisto dal Mission Control Center. Queste interazioni remote metteranno alla prova e dimostreranno come le tecnologie di collaborazione vocale e video possono aiutare gli astronauti a migliorare l’efficienza e la consapevolezza della situazione durante la loro missione, fornendo accesso allo stato del volo e alla telemetria e la capacità di controllare i dispositivi collegati a bordo di Orion. Il video e l’audio delle interazioni verranno ritrasmessi sulla Terra molte volte durante la missione Artemis I, consentendo agli ingegneri di analizzare le prestazioni dei sistemi di bordo condividendo anche le interazioni con il pubblico.

“Il futuro della tecnologia riguarda l’attivazione del potenziale umano sempre e ovunque, che presto si estenderà alle profondità dello spazio”, ha affermato Jeetu Patel , vicepresidente esecutivo e direttore generale della sicurezza e della collaborazione presso Cisco. “Attraverso Callisto, Webex consente comunicazioni video e collaborazioni nello spazio, contribuendo al contempo a fornire alla prossima generazione una tecnologia inclusiva e immersiva. Questa soluzione unica nel suo genere potrebbe un giorno supportare future missioni con equipaggio, fornendo un’interfaccia per l’interazione tra l’equipaggio, il centro di comando e i propri cari”.

La dimostrazione della tecnologia Callisto consentirà inoltre a studenti, famiglie, appassionati di spazio e al pubblico in generale di interagire e virtualmente “salire a bordo” della missione Artemis I. Possono seguire la missione sui dispositivi abilitati per Alexa dicendo “Alexa, portami sulla Luna” e le funzionalità di collaborazione video Webex offriranno opportunità per l’istruzione STEM e gli eventi di insegnamento a distanza.

Artemis I dovrebbe essere lanciato presumibilmente il 12 marzo 2022 dal Kennedy Space Center della NASA a Cape Canaveral, in Florida , per un viaggio di circa tre settimane intorno alla Luna e ritorno. Artemis I fornirà le basi per future missioni con equipaggio sulla Luna e fa parte dell’obiettivo della NASA di far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla superficie lunare.

Fonte: Lockheed Martin

Sostieni DIFESA.blog

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.