Trasferimenti carabinieri

Trasferimenti carabinieri, mancata udizione

Difesa, Sicurezza e Soccorso Pubblico Sindacati e Rappresentanza

Trasferimenti carabinieri, mancata udizione del segretario Unarma, nessun confronto con i Delegati per chiarire alcune tematiche

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Unarma:

Roma, 01 giugno 2021 – Nei giorni scorsi, come ricorderete (link articolo QUI), il Segretario Generale Nazionale Unarma, Antonio Nicolosi, aveva chiesto di essere udito dal Cobar Lazio, sulla questione del verosimile trasferimento di un Delegato di quel Consiglio presso un Reparto speciale, cui si accede con prenotazione al Comando Generale, “scavalcando parrebbe”, altri Carabinieri con titoli analoghi o superiori, che avevano presentato domanda di prenotazione anche da più di un anno.

ARTICOLI MILITARI

Oggi con rammarico apprendiamo che il Segretario Antonio Nicolosi non verrà udito! Di questa decisione restiamo basiti, in quanto l’audizione poteva essere un momento di franco e leale confronto nel segno di una collaborazione tra due compagini che operano per il benessere del personale. 

Unarma, per il tramite del suo Segretario Generale, avrebbe voluto confrontarsi con i Delegati per chiarire alcune tematiche inerenti il benessere del personale, nonché alcune verosimili segnalazioni riguardanti delle anomalie che “parrebbero” riguardare gli stessi Delegati.

ARTICOLI MILITARI

Della mancata occasione ce ne faremo una ragione e valuteremo di porre le domande direttamente al Comandante dell’Unità di Base, per il tramite del Comando Generale, così come indicato da norme non condivise ma accettate.

Ricordiamo che Unarma a tutti i livelli, nasce come realtà sindacale per “costruire” e non per “distruggere”.

Il benessere del personale e l’efficienza istituzionale sono i pilastri che compongono le fondamenta dello stesso edificio.

ARTICOLI MILITARI

L’Arma dei Carabinieri, per riprendere le parole del nostro Comandante Generale, “deve essere una casa di vetro” ed è proprio nella condivisone di questa trasparenza che si inserisce l’indispensabile attività di Unarmache, nell’ambito della propria autonomia, può portare a conoscenza molte anomalie e inosservanze di norme e regolamenti.

Il nostro auspicio è che, anche ai minori livelli, si possa iniziare a concepire il mondo sindacale per quello che ne costituisce la sua essenza e per il grande apportoche può contribuire a creare. Ovvero che si giunga al più presto a comprendere che le Associazioni a carattere Sindacale non rappresentano una minaccia ma una risorsa tanto per il Carabiniere quanto per l’istituzione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.