Geopolitica

Si teme la reazione di Putin

Tom Squitieri
di Tom Squitieri – Giornalista e Scrittore

I funzionari della Difesa rimangono preoccupati che il leader russo Putin possa agire con rabbia quando si renderà conto – se non lo ha già fatto – di non essere stato pienamente informato sullo stato dell’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

“Non sappiamo come si comporterà quando sarà pienamente informato”, ha detto un alto funzionario della difesa ai giornalisti ieri mattina. “La nostra valutazione è che loro (i consiglieri di Putin) non sono stati completamente onesti con lui”.

I funzionari della Difesa credono che non ci sia alcun legame tra ciò che sa Putin e le sue decisioni riguardanti l’Ucraina. “Non abbiamo conferme tangibili, in base alla nostra valutazione, che Putin è stato messo al corrente della realtà dei fatti”, ha detto il funzionario.

Le nostre osservazioni sono confermate dalle notizie giunte da Mosca, infatti sappiamo che Putin giovedì ha firmato un decreto che ordina 134.500 nuovi arruolamenti nell’esercito. Il ministero della Difesa russo ha detto che l’arruolamento non è legato all’operazione militare in Ucraina – nonostante continuano a trapelare dalla Russia notizie sulle difficoltà nel fornire rinforzi per la campagna ucraina.

Il funzionario ha detto che attualmente non è possibile spiegare le diverse valutazioni pronunciate dal Pentagono rispetto ad altri paesi come il Regno Unito o altre fonti legittime e rispettate.

Il funzionario incalzato dai giornalisti ha aggiunto: “Ovviamente se non lo sto dicendo non significa che non lo sappiamo”, così come “Ci sono cose che non possiamo condividere con voi” e poi “non possiamo sapere tutto”.

Ciò che possiamo condividere con voi è un aggiornamento sulle spedizioni di armi in Ucraina“. Il funzionario alla difesa ha detto che “dell’ultimo pacchetto di armi da 800 milioni di dollari approvato dal presidente Biden, il Dipartimento della Difesa ha ricevuto l’ordine il 16 marzo e le prime spedizioni sono arrivate in Ucraina il 20 marzo, un record assoluto per l’approvazione e l’immediata consegna“.

Sostieni DIFESA.blog

DIFESA.blog è sempre gratuito ed è sorretto da un gruppo di volontari. Per questo il tuo contributo è molto importante. Basta una piccola donazione. Grazie!

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.